TATRAC, un ponte per l’innovazione tra l’Italia e la Tunisia

tatrac-cataneIl seminario locale di chiusura del progetto TATRAC si è svolto il 19 maggio 2016 presso il Palazzo Centrale dell’Università di Catania, ospitato dal Dipartimento di Ingegneria Industriale dell’Università di Catania, Partner 5 del progetto.

TATRAC – Tissu Associatif et Transfert de Connaissances è un progetto di cooperazione transfrontaliera finanziato dal programma ENPI Italia-Tunisia 2007-2013 volto ad incoraggiare la società civile ad assumere un ruolo attivo nel processo di innovazione e di valorizzazione delle conoscenze scientifiche.

Al seminario hanno partecipato rappresentanti del consorzio del progetto, composto da istituzioni tunisine (Agence Nationale de Promotion de la Recherche – coordinatore, Institut Supérieur des Beaux Arts de Nabeul, Ecole Supérieure des Sciences Economiques et Commerciales, Institut Supérieur d’Histoire du Mouvement National) e siciliane (Società di Gestone della Valle d’Ippari , CESIE, Università di Catania).

Il seminario si è aperto con una presentazione del progetto da parte del coordinatore, l’ANPR, ed è proseguito con una presentazione del percorso di formazione da parte del CESIE, partner responsabile dell’accompagnamento delle associazioni selezionate nell’ambito del progetto.

All’interno del seminario, organizzato e ospitato dall’Università di Catania, responsabile nell’ambito del progetto della componente ambiente ed energie rinnovabili, sono anche intervenuti due docenti dell’Università di Catania, affrontando le tematiche del cambiamento climatico a livello mondiale e dell’inquinamento marino.

L’ultima parte della conferenza è stata dedicata ad una breve descrizione da parte dell’ANPR con il supporto del CESIE di alcune delle idee progettuali sviluppate dalle associazioni Tunisine sulla base del percorso di formazione e del trasferimento di buone pratiche fra la Tunisia e la Sicilia.

L’ANPR e il CESIE hanno, inoltre, presentato la prima versione del principale risultato del progetto, “Guide de transfert”, un prodotto composto da due manuali: “Guide de Sensibilisation Patrimoine” sul patrimonio condiviso fra Italia e Tunisia, risultato del lavoro congiunto dei partner tunisini del progetto e “Guide de Formation” sui contenuti del percorso formativo, sviluppata dai partner italiani. Le due guide sono attualmente in fase di stampa e verranno a breve pubblicate.

Il seminario ha rappresentato anche un’opportunità per celebrare il 40° anniversario della cooperazione fra la Tunisia e l’Unione Europea, e si è concluso con una presentazione del nuovo programma ENI Italia-Tunisia 2014-2020 da parte di una rappresentante del Segretariato Tecnico Congiunto del programma, dipartimento della programmazione della Regione Sicilia.

In vista della conclusione del progetto TATRAC, il 3 e 4 giugno si svolgerà ad Hammamet, in Tunisia, un grande seminario internazionale di divulgazione, durante il quale verranno presentate le guide in versione definitiva.

Per ulteriori informazioni sul seminario locale potete consultare l’articolo pubblicato sul Bollettino di Ateneo dell’UNICT, o guardare l’intervista al Prof. Sinatra (UNICT) e al Prof. Abidi, coordinatore del progetto (ANPR).

Per maggiori informazioni sul progetto TATRAC seguite la pagina Facebook del progetto (https://www.facebook.com/tatrac.tn).